lunedì 18 giugno 2018

Segnalazione "LA SOFFITTA DI ZIA JOLE" di RITA SALVADORI - NATIVI DIGITALI EDIZIONI

Buon pomeriggio, oggi a Roma é davvero caldo, anche se il tempo sembra un pochino incerto, diviso tra le nuvole e il sole.

Oggi vi segnalo per i NATIVI DIGITALI EDIZIONI la pubblicazione del libro "La soffita di Zia Jole" dell'autrice Rita Salvadori.

Nel libro, quattro voci, ognuna associata ad un colore, guideranno il lettore alla scoperta di una storia di amore, amicizia e fratellanza, che lo porterà a mettere in discussione la propria visione del mondo.

Di seguito tutte le info del libro e la trama. Inoltre la biografia dell'autrice.

Buon relax tra le letture.

Germana


Titolo: “La soffitta della zia Jole”

Autore: Rita Salvadori

Editore: autopubblicato

Data di uscita: Giugno 2018 (nuova edizione)

Genere: Romanzo a colori, Romance

Pagine: 130

Prezzo: 3.99€ ebook, 17,00€ cartaceo
Disponibile su Amazon (cartaceo+ebook)

e numerose altre librerie online (ebook)

--> https://amzn.to/2t7A3Dq

Sito web autrice - http://www.ritasalvadori.com/

 

 

Sinossi:

 
La soffitta di zia Jole è un racconto magico, leggero, delicato e profondo. Un viaggio nei sentimenti, un percorso esplorativo all’insegna dell’arte e della bellezza. è un romanzo a colori in cui ogni colore rappresenta una voce narrante e ogni voce narrante è il riflesso di un particolare stato di coscienza.

Zia Jole, Joseph, Jeremy e Annie, gli attori della storia, sembrano di primo acchito molto distanti fra loro, come se appartenessero a mondi sensoriali completamente diversi; in realtà, le loro vite si intrecciano in modo magistrale per dipingere un unico quadro: l’opera variopinta dell’Amore.

Il romanzo, che si chiude con un finale a sorpresa, è un puzzle di sensazioni ed emozioni senza spazio e senza tempo, racchiuse in una cornice di passione e di amore.

 

 

Biografia:

Rita Salvadori nasce a Poggio Rusco, in provincia di Mantova, il 23 Maggio 1965.

Consegue il diploma di maturità presso il Liceo Linguistico privato  “Oxford” di Mantova.

All'età di sedici anni, è già chiaro per Rita ciò che vorrà fare in futuro. In un tema svolto in quarta liceo, Rita esprime con chiarezza il suo desiderio:

“Il mio desiderio qual è? Poter comunicare con  tante persone, trasmettendo loro infinite emozioni”.

Ha un sogno nel cassetto: diventare una scrittrice. In seguito a due lauree (in Materie Letterarie e in Lingue e Letterature Straniere) e il consolidarsi della carriera da docente di Lingue e Letterature Straniere, quel sogno rimane chiuso nel cassetto, fino a 2009, con la morte di Luciano, il padre di Rita.

Si laurea in Materie Letterarie presso la Facoltà di Magistero di Ferrara il 4 Dicembre 1991 con il massimo dei voti.

Nei tre anni successivi, si trasferisce nelle Marche, dove, il 1° Dicembre 1994 consegue una seconda Laurea in Lingue e Letterature Straniere con il massimo dei voti e l'assegnazione di lode.

Rita continua ad avere quel sogno nel cassetto, ma è un cassetto che resterà ben chiuso ancora per molto tempo.

Dal 1995 al 1998, lavora come docente presso l'Unione Italiana Ciechi di Mantova, dove aiuta nello studio alcuni ragazzi con un forte deficit della vista. E' un'esperienza toccante e significativa che le fa comprendere quanto sia importante l'insegnamento per lei e quanto non sempre guardare significhi “saper vedere”.

Dal 1998 al 2000 lavora presso la scuola media statale di Ghedi (Bs) come docente di sostegno. Esperienza che si rivelerà utilissima per l'impiego successivo.

Nel 2000 supera il concorso ordinario per l'insegnamento della Lingua Straniera Inglese nella scuola secondaria e viene trasferita in un Istituto Professionale di Crema.

Nel 2009, in qualità di docente di Lingua e Letteratura Straniera Inglese, viene trasferita al Liceo Artistico di Cremona, dove tutta la sua creatività si sposa finalmente con quella dei ragazzi. In questo nuovo contesto, Rita inizia a realizzare il suo sogno: creare un'opera d'arte che comprenda la scrittura, la recitazione, il ballo, la musica e la pittura.

Dal cassetto, il sogno inizia a bussare con sempre maggiore forza e insistenza .

Nel 2009 muore Luciano, il padre di Rita.

Da questo dolore immenso nasce la consapevolezza diamantina che oltre  tutte le illusioni del mondo, esiste la verità unica dell'amore. E' proprio da un atto d'amore verso se stessa e verso gli altri che Rita decide di aprire quel cassetto e iniziare a scrivere.

 Nell'aprile 2010  viene pubblicato il suo primo romanzo dal titolo “Quando le ombre si fanno lunghe”, una riflessione poetica e delicata sulla vita, sulle cose e sulla gente. Un viaggio interiore attraverso il reame del cuore.

Ormai, il cassetto è aperto, e dal quel cassetto Rita ha estratto nel 2010 “La soffitta di zia Jole”, suo secondo romanzo, una narrazione poetica con una grande innovazione: la scrittura a colori.

Nel 2017, Rita pubblica “Il viaggio trasparente”, un altro romanzo a colori che invita il lettore ad entrare nella storia, lasciando la realtà ordinaria per intraprendere un viaggio spirituale e di consapevolezza.

Nel 2018 viene pubblicata una nuova edizione di “Quando le ombre si fanno lunghe”,  di cui inizia a lavorare sulla traduzione inglese, oltre a versioni aggiornate degli altri due romanzi.

venerdì 15 giugno 2018

RECENSIONE "L'ARCOBALENO E LA FARFALLA" di MONICA TALEA

Era da tempo che volevo leggere il libro e sono felice finalmente di averlo fatto. Meglio tardi che mai.

Brevemente vi parlo della trama...

Elisa è una donna che improvvisamente perde il compagno e la figlia Lara in un incidente d'auto. La sua vita da quel momento precipita, scaraventandola in un tunnel di dolore, senza possibilità di tornare indietro. Si ritrova sola a dover riniziare la sua vita senza i suoi amori.

La sua salvezza sarà il suo lavoro. Elisa è a capo di una casa editrice, dove si getta a capofitto pur di non pensare. Stare a contatto con le persone e soprattutto imbarcandosi in progetti di beneficenza aiutando le persone, la aiuterà ad andare avanti.

Altri personaggi ruotano attorno alla storia di Elisa. Ognuno con la loro vita, i loro problemi. Ogni personaggio ruota nella vita di un altro portando cambiamenti e novità.

Una giostra di vita umane che segnerà l'inizio per alcuni di loro. Un inizio non prima di sofferenza e dolore. Ma pur sempre un inizio da cui ripartire.

Dopo aver accennato ai personaggi, non vi dico nulla della trama perché finirei per raccontarvi troppo togliendo il piacere di leggerlo.

Avevo già letto dell'autrice il libro "Le note dell'anima", la conosco da tempo. Mi piace molto il modo in cui scrive, semplice e allo stesso tempo molto diretto. Un libro molto, ma molto carino.

Leggendo il libro ho percepito molta sofferenza, credo non ci sia dolore più grande come la perdita di un figlio. Nel libro viene affrontato il dolore in diversi modi, ogni personaggio affronta il proprio dolore cercando di non affogarlo nel proprio cuore, ma di usare il dolore per ritrovare la serenità.

Ogni qualvolta si legge un libro, ogni personaggio ti lascia qualcosa ed è quello che è accaduto a me. Elisa e Davide li porterò nel cuore, la loro sofferenza è stata la mia. Quando provi un dolore in fondo al cuore per la perdita di un familiare, avverti una sorta di simbiosi con i personaggi, il loro dolore diventa il tuo, moltiplicandolo.

Consiglio di leggerlo perche sono sicura possa essere d'aiuto, come spesso si dice, non tutto il male viene per nuocere. Da una fine disastrosa può rinascere in noi la voglia di vivere, nonostante tutto il dolore che ci portiamo dietro.

Grazie infinite Monica per avermi dato la possibilità di leggere il tuo libro.

Germana

COVER REVEAL "N. 5" di KATIUSCIA GIROLAMETTI

Buongiorno, a Roma sembra essere tornato il sole finalmente.

Stamattina sono felice presentarvi la Cover Reveal del libro "N.5" dell'autrice Katiuscia Girolametti.

Di seguito trovate le info relative al libro e la biografia dell'autrice.

Germana



Titolo: N.5

Autrice: Katiuscia Girolimetti

Editore: Echos Edizioni

(Il libro sarà in vendita a partire da fine giugno acquistabile nelle migliori librerie d'Italia o in tutti gli store online) 

La copertina del libro è stata realizzata da Davide Del Vecchio studente frequentante l'istituto tecnico grafico di Milano, affetto da sindrome autistica.



"[...]Katy entrò nel mio studio in Italia e subito mi resi conto che lei era diversa. Era alta, magra, bionda con occhi blu, nulla di ciò che di solito ci si aspetta di vedere in Italia. Aveva con sé i suoi "gemelli" accompagnata da suo marito. Appariva tranquilla, persino riservata.

A questo punto devo sentirmi in colpa poichè basandomi su una "prima impressione" non ero certo del modo in cui saremmo stati in grado di aiutare questa famiglia. Non basandomi su cosa NOI avremmo potuto fare, ma su cosa LEI avrebbe potuto fare.
Non ho mai avuto tanto torto in tutta la mia vita![...]"
Scrive così il dottor David Delacato (presidente della Delacato Internacional) di Philadelphia nelle prime pagine di "Numero 5" presentando l'autrice, il loro incontro ma conosciamola meglio:



Biografia:

Mi chiamo Katiuscia Girolametti, nel web mi conoscono come Katyg (katyg.altervista.org) romana classe 1984. Diplomata in lingue estere con master in marketing turistico. Conservo sin da bambina la passione per la scrittura, da quando mio padre per il settimo compleanno mi regalò un’olivetti, il suo sogno divenne poi la mia realtà. Ho una fantasia smisurata con la quale spesso entro in competizione con i miei due bimbi: Daniele (7 anni) e Manuel (5 anni), ci raccontiamo fiabe, storie e favole che molto spesso finiscono con la morte delle tartarughe ninja e le cicale fritte…

All’attivo conto dieci pubblicazioni tra i vari concorsi letterari e antologie di prestigio, le quali mi hanno vista finalista; un romanzo in versi “Firmato tua F.” (quando dell’amore diventi vittima) edito dalla Kimerik che ad un anno dalla sua uscita ufficiale ha già riscosso molto successo, insieme ad un cd musicale di Corde&vocali i quali hanno deciso di incidere tre dei miei brani dando al loro singolo lo stesso nome del libro; in seguito ho continuato la mia attività nel sociale dando vita a "Coraggiosamente fragili" una raccolta poetica a quattro mani in collaborazione con l'Airc scritta appositamente per la giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Scrivo racconti, poesie, aforismi e adoro la fotografia. Il tema principale è la disabilità e la diversità, un mondo a mio avviso emarginato in quanto poche sono le persone che realmente si avvicinano e cercano di scoprire cosa contenga l’universo fuori dal proprio naso. Il mio approccio è diretto, semplice, crudo e senza mezze misure. Il libro che sta per uscire si chiama "N°5 non è né un profumo né un mambo" edito dalla Echos edizioni, totalmente autobiografico narro il mio mondo, quello di mio figlio la famiglia, ironico e drammatico, la disabilità vista con coraggio da chi nella vita voleva solo essere nessuno.
La tournée inizierà il 5 luglio con tappa Torre Lapillo (Salento) in una delle meravigliose torri saracene al fianco di nomi importanti: l'autrice Daniela Sasso, il giudice del tribunale dei minori di Taranto, il cantautore Angelo Presta, psicologi e psicoterapeuti; tutti insieme nel sociale per una serata imperdibile.
A seguire: Marche, Milano, Isernia, Sorrento e Roma.

mercoledì 13 giugno 2018

Segnalazione "REGINA DI CUORI" di STEFANIA CANTONI

Buon pomeriggio, a Roma è tornata la pioggia ed ha portato un pochino di fresco.

Oggi vi voglio segnalare il libro "REGINA DI CUORI" dell'autrice Stefania Cantoni.

Di seguito trovate tutte le info relative al libro e la trama. Inoltre la biografia dell'autrice per conoscerla meglio.

Germana

Scheda: REGINA DI CUORI

Autrice: STEFANIA CANTONI

Grafica di Valentina Modica

Curato da Literary Romance

Genere chick-lit

Formato ebook a 0.99

Link acquisto https://www.amazon.it/dp/B07DNGNNQN/ref=sr_1_1?ie=UTF8&qid=1528877346&sr=8-1&keywords=stefania+cantoni

 

Sinossi:

Ludovica ha trent’anni, un lavoro che adora e ahimè una storia finita male alle spalle per colpa del tradimento del suo fidanzato. A causa di questa rottura, un po’ depressa e con un profondo senso di sfiducia verso il genere maschile, decide di passare le serate in casa con il suo gatto, Brugola, a guardare serie TV e fare scorpacciate di gelato. Fino a quando l’improvvisa morte del suo datore di lavoro, lascia la Fondazione per cui lavoro nell’incertezza. A capo della dirigenza sarà chiamato il nipote del cavalier Nardi, Alessandro, un uomo affascinante, sulla quarantina, dai modi delicati, con la passione per i tulipani.

Ludovica ne resta ammaliata. Potrebbe innamorarsene e riprendere a stimare il genere in questione. Se non fosse che corrono voci… Voci che avrebbe volentieri fatto a meno di sentire.

No! Esclama, ogni volta che lo incontra, quel tocco di manzo non può essere gay…

Biografia

Stefania Cantoni, vive ad Ancona, sposata e con una figlia, è diplomata in Designer della Moda, da sempre amante della lettura. Adora scrivere  romanzi rosa. Gestisce il blog: "Amore per i libri...e non solo"

Curiosità

L'idea di scrivere questo romanzo girava nella mia testa da tempo e finalmente grazie alle persone giuste al momento giusto l'ho tirato fuori dal cassetto e i miei personaggi hanno preso vita

martedì 12 giugno 2018

RECENSIONE "LA RAGAZZA DELLE ROSE BLU" di JUDITH SPARKLE

Ho letto molto velocemente il libro, tuffandomi direttamente nella storia insieme ai due protagonisti.

Vi accenno brevemente qualcosa...

Inizio con il parlarvi dei due protagonisti.

Maggie, è una giovane ragazza ricchissima, un pochino snob, neo laureanda, con la passione dell'arte e della pittura. Ha le idee chiare e precise sul suo futuro, convinta che la sua strada sia tutta spianata in discesa. Ma purtroppo a volte il destino in un attimo cambia il percorso delle cose e la giovane Maggie si ritrova a dover ricominciare la sua nuova vita, senza mezzi e con molti sacrifici.

Gideon, è un ragazzo di umili origini, laureato in medicina, seguendo le orme del padre. È da sempre segretamente innamorato di Maggie. Un ragazzo dolcissimo che mette l'amore per Maggie sopra ogni cosa.

Maggie e Gideon sono due ragazzi all'apparenza molto diversi, ad iniziare dal ceto sociale. La loro amicizia però sconvolge le loro vite. Un'amicizia che scava in profondità, fin dentro il cuore. Gideon si innamora immediatamente di lei, mentre Maggie lotterà contro i suoi sentimenti, che pian piano si faranno strada lentamente nel suo cuore.

Un'amicizia interrotta dopo aver trascorso la notte insieme...una notte di cui Maggie, tra i postumi dell'alcol non rammenta. Cercano di chiarirsi ma senza riuscirci, soprattutto per le divergenze e i sogni da realizzare per affrontare il loro futuro.

Una serie di circostanze li allontana proprio nel momento in cui Maggie avrebbe più bisogno di lui, dopo il tracollo finanziario che coinvolge la sua famiglia. Purtoppo però a volte  gli eventi non si possono controllare...

Maggie tuttavia, continua la sua vita, mettendo al primo posto la pittura, che riesce a darle quella forza per andare avanti. Nonostante tutta la sofferenza provata, sogna ancora dinpoter realizzare i suoi sogni. Poi un giorno...

Eh no, non vi dico altro ora, altrimenti vi svelerei tutto il libro.

Dopo aver letto i primi due libri dell'autrice, sono felicissima di aver letto anche questo libro. Un libro scritto benissimo. Che mi riconferma la bravura di Judith ed il suo modo dolcissimo di scrivere storie. Storie che rimangono nel cuore. Una storia romantica e struggente.

Leggendo il libro, la storia mi ha lasciato tantissime emozioni. Mi è piaciuto moltissimo, forse perché amo le storie d'amore dove i protagonisti lottano per trovare la loro felicità. E questa è una di quelle storie. Dove Gideon credo totalmente nel suo amore per Maggie, da sognare per entrambi il lieto fine.

Ho amato il personaggio di Gideon sin dalle prime pagine. Il suo modo di amare e nel frattempo proteggere Maggie mi ha rubato il cuore. La sua sofferenza mi è entrata sottopelle. Traspare da ogni pagina tutto l'amore che prova per Maggie. È soprattutto sono i suoi comportamenti ad avermi sfiorato il cuore, mettendo il suo amore per Maggie al primo posto, sopra ogni cosa e aspettandola per un tempo indefinito.

Il personaggio di Maggie credo sia molto fragile. A volte la vita ti toglie in pochi istanti tutto e ricominciare non è mai facile. Questo accade alla protagonista, si ritrova suo malgrado ad affrontare difficoltà che inizialmente la piegano ma che poi le daranno la forza per andare avanti. Fino a quando capirà realmente ciò che la farà star bene. Quando finalmente il suo cuore inizierà a batterle davvero.

I due protagonisti vi regaleranno tante emozioni, ne sono sicura. La loro storia non è per nulla scontata, anzi vi trascineranno nel loro amore sofferto, non privo di colpi di scena. Attraverso le loro vite vivrete un bellissimo viaggio.

Consiglio davvero di leggere il libro perché sa regalare tanto "Amore", emozionandovi.

Grazie mille Judith per avermi fatto leggere in anteprims questa bellissima storia. Grazie infinite anche di avermi inserito tra i ringraziamenti finali insieme alle altre blogger.

Grazie di cuore.

Germana

sabato 9 giugno 2018

BLOGTOUR "LA RUBRICA DEI CUORI INFRANTI" in collaborazione con l'autrice PAOLETTA MAIZZA

Buongiorno e buon sabato.

Stamattina sono felice di presentarvi la quinta tappa del Blogtour "LA RUBRICA DEI CUORI INFRANTI".

Il Blogtour del libro è in collaborazione con l'autrice Paoletta Maizza.

Nella mia tappa troverete l'intervista all'autrice, cosi vi permetterà attraverso varie domande, di conoscerla meglio.

Il Blogtour si concluderà il 15 giugno con un giveaway. Mi raccomando seguite tutte le tappe cosi avrete la possibilità di vincere.

Di seguito all'intervista vi lascio anche la trama del libro.

Vi auguro di trascorrere un sereno week end e imbocca al lupo.

Germana



INTERVISTA all'autrice PAOLETTA MAIZZA

1 Inizio le domande con il chiederti di dove sei...
Sono di Ceglie Messapica, una cittadina molto carina in provincia di Brindisi in Puglia.

2 Com'è nato il tuo amore per la scrittura? 
È nato alle scuole medie o anche prima, non ho un ricordo preciso, so che mi piaceva inventare storie scriverle

3  Leggi molto? 
Sì, leggo molto, anche più libri contemporaneamente, è una cosa che mi piace tantissimo

4 Hai un autore o un autrice preferiti?
Ci sono più autori che amo come Shakespeare,  Jane Austen, Banana Yoshimoto, Allan Poe, Kinsella, Conan Doyle e molti altri.

5 Che genere di lettura preferisci? 
Leggo di tutto tranne l'erotico

6 Chi è la prima persona a cui hai confidato  il tuo amore per la scrittura? 
Mio marito, molti anni dopo aver coltivato questo sogno in segreto

7 Il primo libro che hai letto? E l'ultimo? 
Il primo letto a 7 anni si chiama, ce l'ho ancora, Schiava o Regina, l'ultimo Uno studio in rosso di Conan Doyle.

8 Quanto conta per te la famiglia? 
Per me la famiglia ha la massima importanza, non ci sarebbe niente senza la famiglia e gli affetti, le esperienze, che poi alimentano la mia fantasia

9 Credi nell'amicizia? E nell'amore? 
Credo in entrambe le cose, sono due sentimenti importanti di cui nessun essere umano dovrebbe fare a meno

10 Hai un tuo posto del cuore in cui scrivere? 
La mia scrivania vicino alla ginestra che di affaccia sul giardino. La notte il silenzio e il rumore delle foglie mosse dal vento sono meravigliose per poter scrivere

11 C'è un personaggio dei tuoi libri a cui sei molto affezionata? 
Sono affezionata a tutti, in modo particolare a Penelope, la mia prima eroina che mi ha fatto incontrare una vera CE con cui pubblicare. È grazie a lei se ora sto rispondendo a questa intervista

12 In questo momento stai scrivendo qualcosa? 
Sto scrivendo il terzo capitolo delle avventure di Penelope

13 Oltre alla scrittura,  cosa ti piace fare nel tempo libero? 
Stare con i miei figli, disegnare, passeggiare per la campagna

14 C'è un libro famoso che avresti voluto scrivere ?
No, quello che volevo scrivere ho scritto, erano i miei lavori che ho desiderato scrivere. Quelli degli altri autori li amo poiché sono scritti da loro

15 Ti piacciono gli animali? 
Molto, ho una cagnolina

16 Che bambina sei stata? 
Sono stata una bimba molto introversa, timida, insicura, lo sono ancora, ma i sogni mi hanno sempre aiutato a vivere in un mondo tutto mio

17  Il commento più bello e quel più brutto che hai ricevuto?
Mi hanno paragonato a Sophie Kinsella, quello più brutto che uno dei miei romanzi era noioso

18 Pensi che le recensioni siano utili per voi autrici ?
Certo, però devono essere vere recensioni non riassunto della storia con una piccola frase finale che odio: non mi dono immedesimata nel personaggio. Poco professionale

19 Come ti vedi tra qualche anno?
Non saprei dire, non ci penso mai

20 Svelaci un tuo sogno...
Diventare una best seller vera con film tratti dai miei lavori, più che un sogno è proprio un'utopia




Sinossi del libro "LA RUBRICA DEI CUORI INFRANTI"

Candy non si chiama così per puro caso, ma lei al destino e alle coincidenze non ci crede. Come non crede nell’amore né alle anime gemelle. Eppure è lei a dirigere con successo “La Rubrica dei cuori infranti”.
La richiesta di aiuto di una sua lettrice la coinvolgerà in prima persona e per la prima volta dovrà scegliere: continuare a mantenere la sua etica professionale o dare consigli sbagliati e spingere tra le proprie braccia l’uomo tanto conteso?
Proprio quando tutto sta andando per il meglio, ecco che busserà alla sua porta un secondo uomo, lui ha capito il suo gioco e farà di tutto pur di farla ragionare.
In un insieme di equivoci, bugie e malintesi, Candy si ritroverà ad essere la classica antagonista di una storia d’amore.
Questa volta ci sarà un lieto fine per lei? E tu? Sei pronta a tifare per la cattiva?
Scoprite con lei la favolosa New York e il riscatto d’amore più romantico del mondo.

venerdì 8 giugno 2018

Segnalazione "L'UNICORNO LA SAGA DELLA PROFEZIA" di ISOTTA STURLESE

Buongiorno finalmente siamo arrivati a venerdì e ci aspetta un bel fine settimana.

Oggi vi segnalo il libro "L'unicorno La saga della profezia" della giovane autrice Isotta Sturlese.

Vi lascio tutte le info del libro. Inoltre trovate la trama e la biografia dell'autrice.

Buon venerdì.

Germana



Titolo: "L'unicorno La saga della profezia

Autrice: Isotta Sturlese

Editore: Bertoni Editore

Data di pubblicazione: aprile 2018

Pagine: 344





Trama:

L'unicorno è un romanzo fantasy, primo capitolo della saga della Profezia composta da quattro volumi. È incentrato su sentimenti positivi e buoni, quali l'amicizia e l'amore dove, alla fine, nonostante le drammaticità dei fatti, il bene e la luce riescono a trionfare. La protagonista è Luka, una ragazza come tante altre. Meticolosa, piena di voglia di vivere, appassionata di danza. Scoprirà tuttavia che la sua vita ordinata e ordinaria è solo apparenza: appartiene infatti a un mondo segreto, popolato di creature leggendarie, e che lei è uno degli esseri più puri mai esistiti. Grazie all'aiuto dell'amico Sloan e di Litroint, un mago dall'oscuro passato, al servizio della magia bianca, riuscirà ad adempiere ad un'antica profezia e a deporre Fallon, re spietato e potentissimo che non esiterà a scatenare una guerra sanguinaria, pur di non veder scomparire il suo potere.




Biografia:

Mi presento: sono conosciuta dal mondo come Isotta, mi chiamo Isotta Franci, in arte Isotta Sturlese, ho trentadue anni e vivo a La Spezia, città natale anche se le mie origini sono maremmane.

Ho frequentato il liceo artistico di Carrara, per poi conseguire al diploma come grafica e tecnico della comunicazione pubblicitaria. Sto frequentando l’università di Pisa con la facoltà di storia e specialistica in storia medievale.
Ho la passione per la lettura e la scrittura da quando sono bambina, dilettandomi da sempre nella realizzazione grafica dei miei personaggi.

Nel corso degli anni, oltre a scrivere e inventare storie, ho partecipato ad alcuni concorsi letterari e fatto quattro mostre pittoriche, di cui una del fumetto.
Sono illustratrice e spero, infine, di riuscire a pubblicare i miei racconti con le loro apposite illustrazioni.
 Altre mie passioni?
 Adoro fare cosplay ai comics da quindici anni, sperando di riuscire a interpretare i miei personaggi. Mi diverte partecipare alle sagre medievali in costume e mi piace andare a cavallo con lo stile della monta storica, il allo, il pattinaggio artistico e praticare il tiro con l’arco.
Altri interessi?

Quello che preferisco è viaggiare, si, io ho viaggiato molto attraverso la lettura -una frase banale, me ne rendo conto- ma niente è più veritiero nel viaggiare tramite i libri. Volare e conoscere attraverso i libri.
I generi che preferisco sono il Fantasy e il mio amore per Tolkien nasce dall’infanzia. I classici?
Adoro i classici e mi piace rileggerli. Gli horror e i thriller mi affascina molto, i romanzi storici e i libri storici sono la mia passione in assoluto (li divoro), perché dissetano la mia sete di sapere.

Lo dico sempre, la mia mente è arsa quando non legge per troppo tempo.

Come citato poc'anzi amo Tolkien. Dei contemporanei sono rimasta affascinata da Carol O’Connell, invece le grandi scrittrici di classici come le sorelle Brontë, Austen, Shelly e tante altre, hanno fatto parte della mia vita e ne faranno parte sempre.

Come si è potuto capire i libri sono stati e lo sono tuttora compagni del mio percorso di vita; mi dissero che con il mio handicap non sarei mai andata avanti nella lettura e nella scrittura, invece... Leggo minimo tre libri al mese (con la mole di lavoro aumentata dall’università se ne aggiungono altri), scrivo e dipingo.

Sono soddisfatta di come affronto le mie passioni e sono fiera di me stessa per non essermi lasciata mai abbattere.

Eppure la storia ci mette difronte a esempi importanti di scrittori, grandi uomini, e donne che hanno avuto il mio stesso problema e sono diventati tra i primi al mondo. Purtroppo l’uomo non impara mai dai propri errori, difficilmente si sofferma ad osservare la maestra di vita che è la storia.

Nella vita sono stata ispirata da donne come Elisabeth I, Giovanna D’Arco, Frida Kahlo, uomini come Gandhi, Mandela, Freud. E poi, come non posso amare l’arte e tutto ciò che ne concerne, come la sua storia i suoi ideatori: Leonardo Da Vinci, Caravaggio, Degas, Klimt, Schiele etc… ?

Non ho altro da dire, tranne ripetermi sul fatto che ho viaggiato il mondo, nella storia e nel tempo: ho indossato la lettera scarlatta con la giovane Ester Pryenn, scolpito la cattedrale con Jack “I pilastri della terra”, visto la peste con “Narciso e Boccadoro”, costruito il mostro del dottor Frankenstein, duellato con D’Artagnan e gridato “Cospetto!” e soprattutto ho visto nascere la terra di mezzo, percorrendo i viaggi infiniti con Tolkien.